Piazza Nicola Amore 6

Il Ruolo del instant marketing nella comunicazione social

 

Per le aziende sfruttare il trend del momento con un “semplice” post è più importante di quanto noi utenti possiamo pensare, fa parte di una serie di regole da seguire per coinvolgere e ingaggiare il pubblico.

Seppur i social network hanno da sempre avuto un accezione che faccia pensare alla distanza  sono invece attualmente il luogo di maggior vicinanza tra consumatori e produttori, tra aziende e clienti.

Essere attenti alle ultime tendenze e saperle sfruttare a proprio beneficio fa si che si crei proprio quella vicinanza che fa la differenza.

La scelta di un bene o di un servizio avviene tramite marketing e pubblicità e nessuno di noi è esente e nessuno di noi farà mai scelte di consumo “pure”.

Ma è la pubblicità o il marketing a indurre bisogni ai consumatori? se come la maggior parte delle persone anche voi la pensate così mi dispiace ma vi sbagliate, i bisogni non sono indotti i bisogni esistono e sono sempre esistiti, ciò che fa la differenza sta nella scelta, ed è proprio li che entrano in gioco Pubblicità e marketing o meglio ancora Marketing e pubblicità.

I bisogni, come insegna Maslow, si dividono in tre macro categorie: bisogni primari, bisogni sociali e bisogni del sè (vedi immagine in basso)

ed è a questi bisogni che si deve attingere, sono queste le vere leve di marketing!

I prodotti sono tutti uguali un scopa è una scopa ma la scopa Pippo è la scopa Pippo. Questo semplice spot degli anni 80 influenzò così tanto i bambini che furono loro a condizionare la scelta d’acquisto delle mamme (cosa che accade ancor più di frequente con i nuovi bambini della generation Z verso i genitori)

Ma non dilunghiamoci oltre, se i bisogni di appartenenza rappresentanti nella piramide, sono tanto importanti da farne parte allora potremmo direi che l’instant marketing attinge proprio a questi!

vediamo alcuni esempi di instant Marketing trovati in rete in questo periodo di quarantena:

Sapere di avere dalla propria parte un Brand in un momento così complesso come quello attuale fa avvertire una vicinanza che diversamente sarebbe difficile da percepire.

Ma c’è anche un’altra osservazione da fare: le multinazionali hanno anche un forte appeal su noi consumatori in merito al messaggio trasferito, quindi oltre alla vicinanza c’è da prendere in considerazione anche il transfert del messaggio che parte dall’aziende e arriva al consumatore che lo percepisce come una messaggio da seguire! Vedi claim come: porta in tavola la felicità – bevi responsabilmente – think different – Just do it.

Quindi restiamo a casa restiamo distanti ma restiamo connessi!

Dott. Girolamo Di Gioia

Ceo & Founder DGV Marketing®

 

Post Correlati

Leave a comment